Oggi è sabato 17 aprile 2021, 3:36

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Collegamento marmotte e scambi digitali
MessaggioInviato: martedì 16 febbraio 2021, 1:53 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4714
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
corsaroromano ha scritto:
...
Mi interessa approfondire la seconda alinea; come è possibile gestire gli instradamenti con gli switches dei motori sottoplancia?


La cosa non si può spiegare in 4 parole, quindi mi limito al principio.
Gli instradamenti, quelli che al reale fa un ACE o un ACEI, vengo repplicati sul plastico con gli stessi principi, cioè per impostare un segnale sulla via libera è necessario che tutti i binari interessati siano percorribili, quindi liberi e che gli scambi siano orientati nel verso giusto, per questo scopo il binario si controlla con i CdB (circuiti di binario che rilevano la presenza di veicoli) e gli scambi con contatti che repplicano la posizione degli aghi, il tutto alla fine confluisce in un quadro di logica a relè o in un sistema a microprocessore, che se tutto è come previsto accende le luci dei segnali indicando via libera (luce vere o/e gialla nei segnali, due luci sovrapposte nelle marmotte moderne, luce bianca nelle antiche).
Va da se che ogni stazione o linea ho un suo quadro di logica progettato e costruito appositamente, è contenuto in telai posti nelle sale relè ed e composta da tanti pannelli quanti sono gli enti da controllare e comandare, più quelli per interfacciarsi con i: pannelli sinottici, le pulsantiere, i monitor, computer , le stampanti degli eventi*, ecc. che sono nella sala controllo dove operano i dirigenti movimento e di linea (DM, DCO, DU, ecc.).

*
Da decenni in ferrovia tutto quello che avviene è registrato, prima dell'avvento dei PC e degli hard disk (ma forse anche ora) due stampi provvedevano a stampare ogni sngolo avvenimento che avveviva agli enti che governano la circolazione e la sicurezza, e tutti pulsanti che pigiavano gli operatori. Prima c'era il DM (o/e il capotreno) che registravano tutto su carta in apposito registro (che non ricordo il nome).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Collegamento marmotte e scambi digitali
MessaggioInviato: martedì 16 febbraio 2021, 13:28 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 19:41
Messaggi: 1963
marco_58 ha scritto:
corsaroromano ha scritto:
...
......... prima dell'avvento dei PC e degli hard disk (ma forse anche ora) due stampi provvedevano a stampare ogni sngolo avvenimento che avveviva agli enti che governano la circolazione e la sicurezza....


Veramente anche ora molti impianti registrano su rotoli di carta trascinati dall'orologio dove sopra scrivono pennini mossi da elettromagneti... :wink:


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 8 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice