Oggi è lunedì 12 aprile 2021, 6:58

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 18:52 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 16:15
Messaggi: 50
Buonasera a tutti! Chiedo lumi per quanto concerne la motorizzazione degli scambi Peco, che possiamo dividere in due famiglie: Electrofrog da una parte ed Unifrog ed Insulfrog dall'altra.
Gli Electrofrog hanno il cuore in metallo e quindi garantiscono una miglior conducibilità di corrente soprattutto per quanto riguarda le locomotive più corte, ma hanno bisogno di essere "curati" prima di essere utilizzati, mentre gli Unifrog, avendo il cuore in plastica e quindi non alimentato, possono essere utilizzati così come escono dalla scatola, ma possono dare qualche grattacapo per quanto concerne il transito delle locomotive più corte. Poi dovrebbero esserci gli Insulfrog, un compromesso tra gli altri due, in quanto hanno il cuore non totalmente metallico, e pertanto danno i benefici degli Electrofrog con la semplicità di installazione degli Unifrog e quindi possono essere usati così come escono dalla scatola. Corretto?
Dopo aver letto e guardato video sono giunto alla conclusione che li motorizzerò tutti sottoplancia con componenti sempre Peco, visto che gli Electrofrog richiedono comunque un intervento di questo tipo e allora tanto vale fare tutto all'inizio così poi uno è a posto per sempre.

Electrofrog : vanno tagliati due contatti dietro lo scambio, vanno messe le scarpette isolanti alle rotaie che escono dal cuore, e va applicato un motore con relativo switch di polarità.

Per il motore, ho visto sul sito che c'è il tradizionale motore "turnout motor PL-10" https://peco-uk.com/products/standard-turnout-motor a cui va abbinato lo switchv "PL - 13" SOLO PER GLI ELECTROFROG https://peco-uk.com/collections/electri ... r-mounting.

In alternativa ho visto che c'è il motore Peco "Twistlock PL -1000" https://peco-uk.com/products/twistlock-motor che dai video che ho guardato mi ispira di più rispetto all'altro. Lo vedo più facile da montare e da quel che ho capito dovrebbe essere già cablato. Anche qui SOLO PER GLI ELECTROFROG va utilizzato lo switch e vi è il kit Peco PL 1001 che lo abbina al motore Twistlock https://peco-uk.com/products/twistlock- ... c3b0&_ss=r .
Che differenza c'è tra i due motori? Cosa cambia? Uno dei due è più semplice/affidabile dell'altro?

Per gli Unifrog/Insulfrog, teoricamente si può non fare nulla giusto? Metterli sul plastico ed usarli così come sono, anche senza motore, oppure motorizzarli ma ovviamente senza switch.

Fino a qui ho capito tutto?

I dubbi iniziano dagli step successivi.

Gli scambi a questo punto sono motorizzati e gli Electrofrog anche "curati" per poter funzionare e non andare in corto. Come faccio a far funzionare il motore e lo switcher, a dare corrente al tutto? Come li controllo?
Io vorrei una plancia con un interruttore/levetta per ogni scambio, con cui spostare a dx e sx lo scambio, quindi in analogico per gli scambi. Cosa mi serve? Ho visto che dal motore escono 3 fili: per ogni scambio devo portarli tutti e tre all'interruttore a loro associato?

Poi sento parlare del fine corsa o meno ecc, e non riesco a capire se servano altri interruttori tra l'interruttore che aziona lo scambio e lo scambio per interrompere la corrente, o meno...
Come avete capito fino ad un certo punto dovrei esserci arrivato, poi ho un po' di confusione...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 19:21 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4703
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Rapidamente, e le prime cose che mi vengono in mente:
- in rete cerchi "comando scambi peco" - "polarizzazione scambi peco" - "peco electrofrog" - "peco electrofrog wiring diagram" - ecc. -ti stufi di leggere
- sito Peco, trovi tutti gli schemi, così come nei bugiardini allegati agli scambi https://peco-uk.com/
- questa è roba mia http://www.sinap-automazione.it/sito-si ... ne_013.htm
- http://www.marmari.org
- anche con la ricerca sul forum anche qui ti stufi di leggere
- poi c'è anche il comando con motori lenti o/e servocomendi, previo smontaggio della molla presente sullo scambio
- infine c'è il comando in digitale, se ti interessa.


Attento
gli scambi PECO UNIFROG a detta di Peco https://dccwiki.com/PECO_Unifrog con il tempo andranno a sostituire sia gli Electrofrog sia gli Insulfrog, però adesso la gamma è incompleta, quindi valuta le tue scelte.
Va da se che con la gamma UNIFROG i cablaggi si riducono di parecchio, e salvo casi specifici non è più necessario polarizzare i cuori degli scambi (poi bisogna vedere come si comportano gli aghi).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 19:36 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 16:15
Messaggi: 50
Infatti io ho letto di tutto e di più, cercavo qualcuno che mi portasse la sua esperienza, o consigli personali!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 20:13 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 16:31
Messaggi: 7251
Località: Fabriano
Per quanto ne so io, ovvero, ne abbia capito qualcosa, gli unifrog si possono polarizzare, appunto per evitare il falso contatto ago rotaia.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 21:47 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 16:15
Messaggi: 50
marco_58 ha scritto:
Rapidamente, e le prime cose che mi vengono in mente:
- in rete cerchi "comando scambi peco" - "polarizzazione scambi peco" - "peco electrofrog" - "peco electrofrog wiring diagram" - ecc. -ti stufi di leggere
- sito Peco, trovi tutti gli schemi, così come nei bugiardini allegati agli scambi https://peco-uk.com/
- questa è roba mia http://www.sinap-automazione.it/sito-si ... ne_013.htm
- http://www.marmari.org
- anche con la ricerca sul forum anche qui ti stufi di leggere
- poi c'è anche il comando con motori lenti o/e servocomendi, previo smontaggio della molla presente sullo scambio
- infine c'è il comando in digitale, se ti interessa.


Attento
gli scambi PECO UNIFROG a detta di Peco https://dccwiki.com/PECO_Unifrog con il tempo andranno a sostituire sia gli Electrofrog sia gli Insulfrog, però adesso la gamma è incompleta, quindi valuta le tue scelte.
Va da se che con la gamma UNIFROG i cablaggi si riducono di parecchio, e salvo casi specifici non è più necessario polarizzare i cuori degli scambi (poi bisogna vedere come si comportano gli aghi).


Gli scambi li ho già ordinati e comprati.
Vorrei solo sapere se il procedimento per gli Electrofrog è corretto e cosa si debba fare con gli Unifrog, a questo punto dico, per farli funzionare a "prova di bomba". Senza rischiare. E poi come fare per le operazioni successive


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 22:12 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4703
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Per gli electrofrog quei cablaggi sono utilizzati da quando esistono tali scambi (decenni), sono usati da migliaia di plasticisti lamentele di fatto nessuna (salvo i soli incontentabili o distratti).
Gli unifrog sono un prodotto nuovo, almeno sui forum che frequento non ricordo letteratura o riporti di plasticisti, pertanto:
- o non si trovano
- o funzionano bene come gli altri Peco
- e come dice Peco, sono stati fatti per avere un prodotto unico, come fanno altri concorrenti, se vuoi polarizzarlo basta tagliare i ponti tra le rotaie.

Al momento uno dei siti più completi, a parte il Peco, per il comando degli scambi è quello di Marmari, che è pure in italiano (e dall'elettricità da sempre si fa dare anche lui del lei).

Se invece vuoi toccare con mano ... sul forum fai fatica, devi fare visita ad un collega o a una associazione.

Infine, tutti gli scambi presenti sul mercato o fatti in casa, per polarizzarli bisogna utilizzare quegli schemi: tali sono e tali resteranno.
Che poi il comando sia a doppia bibina, a motre lento, con servo, manuale, a aria compressa, a elastici, ecc. nulla cambia.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 22:19 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 16:31
Messaggi: 7251
Località: Fabriano
Un momento, la polarizzazione con rimozione dei ponti, implica che il contatto ago rotaia sia sicuro, io preferisco che tutto il gruppo aghi e zampe di lepre siano alimentati, lo so, col rischio di cortocircuiti dovuti ad un accidentale contatto interno di qualche asse, però posso così verniciare tranquillamente tutte le rotaie. Se aprite il catalogo Peco, con le varie polarizzazione, si capisce di cosa parlo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 22:50 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 16:15
Messaggi: 50
Grazie mille!
Infatti a me la cosa che preoccupa di più e la parte elettrica. Io volevo utilizzare gli schemi Peco ovviamente, lungi da me di fare il diverso o lo sperimentatore. Stavo solo cercando di capire cosa dovessi comprare per ogni tipo di scambio, e come procedere.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 23:00 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4703
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Torrino-Pollino ha scritto:
Un momento, la polarizzazione con rimozione dei ponti, implica che il contatto ago rotaia sia sicuro, io preferisco che tutto il gruppo aghi e zampe di lepre siano alimentati, lo so, col rischio di cortocircuiti dovuti ad un accidentale contatto interno di qualche asse, però posso così verniciare tranquillamente tutte le rotaie. Se aprite il catalogo Peco, con le varie polarizzazione, si capisce di cosa parlo.


Pauroso.

Basta eliminare solo i ponti non necessari e poi ...
poi visto che la cerniera degli aghi da non da nessuna garanzia nel tempo, basta saldare due pezzi di filo agli e polarizzarli con i cuori.
Sui miei scambi (di ogni marca e tempo) a breve gli aghi avranno i fili saldati, assieme ad altre cosucce: ma tempo al tempo.
Fidarsi del contatto degli aghi sulla rotaia o/e delle sole cerniere è ... :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 23:21 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 agosto 2013, 14:28
Messaggi: 803
Località: Bologna
La storia del possibile falso contatto dei deviatoi Peco non la ho mai capita...
Ho 50-60 deviatoi Peco H0 con le loro bobine in funzione dal 1996 e dal 2006....
Mai avuto un problema , conduzione sempre ottima, qualche sporadica manutenzione in 3-4 deviatoi per pulire le linguette prendicorrente.
Viceversa i 10 deviatoi H0m son dotati del deviatore annesso alla bobina per polarizzare il cuore in quanto privi all’origine delle linguette prendicorrente.
Anche la storia della eventuale scarica capacitativa non la ho mai compresa...
Tutti i deviatoi sono comandati in digitale da un classico sistema con booster e basta...
Vecchia centrale Marklin nella parte più vecchia, un Intellibox nella parte - si fa per dire- più recente...mai un problema....
certo quando ho dipinto i binari e ho incollato la massicciate sono stato un po’ attento...
A volte noi modellisti ci complichiamo la vita senza motivo.... o per sentito dire..
Poi se a uno piace ciappinare nella elettronica per carità, è anche questo un divertimento e li ammiro..!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: giovedì 25 marzo 2021, 23:57 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4703
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Andrea io non mi sono mai posto il problema, anche se la mia statistica è pessima: 1 scambio Peco sull'ovale di prova, 1 falso contatto quando in deviata.
Ma prescindere.
A parte gli scambi dove è necessario alimentare i cuori (sempre se si vuole), vedi vecchi Roco cod. 100, i miei scambi sono tutti modificati nel meccanismo quindi mi è necessario alimentare gli aghi: prossimamente usciranno dalla scatola.

Poi in fatto di elettricità ho una deformazione professionale: i falsi o deboli contatti non sono contemplati nel buon funzionamento degli impianti. Specialmente nelle deboli corrente e nella trasmissione dati: nei trenini leggi digitale.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: venerdì 26 marzo 2021, 0:35 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 28 agosto 2013, 14:28
Messaggi: 803
Località: Bologna
Marco non so che dire... forse hai visto in rete qualche video del mio plastico, sia in analogico che in digitale i treni affrontano le deviate senza problemi... e anche con dei vecchi Peco insulfrog ( che negli anni 90 venivano purtroppo consigliati ... ).
Gli eventuali problemi di captazione sono in genere da imputare a deficit dei mezzi motori...
Comunque una ridondante alimentazione non guasta mai ..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: venerdì 26 marzo 2021, 7:45 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 16:15
Messaggi: 50
Ok, quindi in concreto cosa mi consigliate di fare? Quali sono gli step da fare?
Electrofrog: scarpette isolanti ai due binari che escono dal cuore, girare lo scambio, tagliare i due ponti indicati nelle istruzioni.
Montare motore con switch ( mi pare di capire che tra i due motori Peco non vi sia differenza giusto?).
Poi per evitare di bruciarli dovrei mettere un fine corsa o la scarica capacitativa. Che cosa sono in parole povere, e come si realizzano, con che accessori?
Dopo come li alimento? Che cosa compro? Come comando sto benedetto motore? Qualcuno ha le istruzioni della Peco per gli Electrofrog?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: venerdì 26 marzo 2021, 8:30 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 4703
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
La questione comando scambi non è complica, ma solo articolata e contestualizzata.
La prima cosa da sceglie è il tipo di movimento degli aghi:
- a scatto, quindi elettromagenti
- lento, quindi motoriduttori o servocomandi.

La seconda, è la modalità di comando:
- a commutatore a posizioni fisse, servono contatti di fine corsa (nei vecchi Rocp cod.100 era incorporato), nei motoriduttori generalmente c'è
- a pulsante, fin che è premuto arriva corrente, da evitare con i movimenti lenti
- a tempo, esempio usando scarica capacitiva* o con domando da decoder digitale. o con elettronica fai da te.

La terza se voglio polarizzare o meno i cuori:
- tramite microinterruttori che rilevano l'esatta posizione degli aghi
- tramite uscite dai sistemi di comando, non è garantita la posizione degli aghi.

La quarta il tipo di alimentazione, che vincola il tipo di schema da impiegare:
- corrente continua, che permette anche l'uso della scarica capacitiva
- corrente alternata
- potenza dell'alimentatore
- scegliere la variante di schema che fa al caso proprio.

Infine se voglio segnali di feed back per segnalazioni o automatismi:
- tramite microinterruttori che rilevano l'esatta posizione degli aghi
- tramite uscite dai sistemi di comando, non è garantita la posizione degli aghi.

Però, permettimi e con simpatia, con le tue paure e non conoscenze dici di avere già acquistato, nella tua insicurezza la cosa mi pare piuttosto precipitosa ... (beh, uno psicologo ti classifica subito negli ansiosi).
Quindi continui a fare le stesse domande, noi da una tastiera ti possiamo aiutarti solo tramite quello che abbiamo già scritto, cioè riportare esperienze (che spesso sono solo valutazioni soggettive) e conoscenze, quindi darti tutte le informazioni indispensabili, ma poi per farle proprie ci vuole anche un minimo di conoscenza della materia o/e di studio.
Se hai dei dubbi devi farti affiancare sul posto da qualcuno pratico, oppure fare delle prove al banco prima di intallare sul plastico.
Gli schemi quelli sono e quelli restano, da sempre e per sempre per comandare e controllare uno scambio si fa così, che poi a monte ci sia il dito di un operatore o un automatismo nulla cambia.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Motorizzazione e polarizzazione scambi Peco Electrofrog
MessaggioInviato: venerdì 26 marzo 2021, 9:01 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 10 gennaio 2014, 16:15
Messaggi: 50
marco_58 ha scritto:
La questione comando scambi non è complica, ma solo articolata e contestualizzata.
La prima cosa da sceglie è il tipo di movimento degli aghi:
- a scatto, quindi elettromagenti
- lento, quindi motoriduttori o servocomandi.

La seconda, è la modalità di comando:
- a commutatore a posizioni fisse, servono contatti di fine corsa (nei vecchi Rocp cod.100 era incorporato), nei motoriduttori generalmente c'è
- a pulsante, fin che è premuto arriva corrente, da evitare con i movimenti lenti
- a tempo, esempio usando scarica capacitiva* o con domando da decoder digitale. o con elettronica fai da te.

La terza se voglio polarizzare o meno i cuori:
- tramite microinterruttori che rilevano l'esatta posizione degli aghi
- tramite uscite dai sistemi di comando, non è garantita la posizione degli aghi.

La quarta il tipo di alimentazione, che vincola il tipo di schema da impiegare:
- corrente continua, che permette anche l'uso della scarica capacitiva
- corrente alternata
- potenza dell'alimentatore
- scegliere la variante di schema che fa al caso proprio.

Infine se voglio segnali di feed back per segnalazioni o automatismi:
- tramite microinterruttori che rilevano l'esatta posizione degli aghi
- tramite uscite dai sistemi di comando, non è garantita la posizione degli aghi.

Però, permettimi e con simpatia, con le tue paure e non conoscenze dici di avere già acquistato, nella tua insicurezza la cosa mi pare piuttosto precipitosa ... (beh, uno psicologo ti classifica subito negli ansiosi).
Quindi continui a fare le stesse domande, noi da una tastiera ti possiamo aiutarti solo tramite quello che abbiamo già scritto, cioè riportare esperienze (che spesso sono solo valutazioni soggettive) e conoscenze, quindi darti tutte le informazioni indispensabili, ma poi per farle proprie ci vuole anche un minimo di conoscenza della materia o/e di studio.
Se hai dei dubbi devi farti affiancare sul posto da qualcuno pratico, oppure fare delle prove al banco prima di intallare sul plastico.
Gli schemi quelli sono e quelli restano, da sempre e per sempre per comandare e controllare uno scambio si fa così, che poi a monte ci sia il dito di un operatore o un automatismo nulla cambia.


Ho già acquistato i Peco, perché voglio utilizzare il codice 55. Quindi quelli o quelli.
Per la motorizzazione ho già deciso che utilizzerò i motori Peco della stessa casa produttrice per non complicarmi le cose. Ecco ho capito che per i comandi quello che voglio io è a commutatore, ovvero l'interruttore resta nella posizione in cui è lo scambio, come se fosse una leva, ergo devo installare i fine corsa. I cuori si polarizzano con lo switch Peco. Quindi sono a posto. Non resta che trovare gli schemi adatti e replicarli.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice