Oggi è giovedì 7 luglio 2022, 4:50

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 14:40 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 dicembre 2010, 10:01
Messaggi: 890
Località: Sarzana (SP)
Ho acquistato ad un buon prezzo questa macchina su E-bay.

Ho visto in giro diversi commenti sul fatto che trattasi di macchina "ridipinta"
e "ritargata" ma niente più, con componenti tedeschi non sostituiti.

So che manca la valvola Coale, il fischio "italiano", i ceppi dei freni che non corrispondono
poi ci sarà altro ma non lo ricordo.

C'è da qualche parte qualcosa di utile per vedere se posso affrontare il problema?

Qui

http://www.pugio.it/elaborazioni.htm

ci sono le foto ma, nella mia ignoranza, avrei bisogno di una descrizione chiara del lavoro,
tipo tolto questo (foto) messo questo (foto) e magari dove posso trovare i pezzi.

inoltre mi complica la vita il fatto che ci siano due macchine diverse che sono state elaborate.

Chiedo troppo?

Grazie.

Massimo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 16:24 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 7 aprile 2011, 10:39
Messaggi: 1926
Località: Genova Sampierdarena
Ciao MAssimo,

Su Tutto Treno Modellismo n°12 Pag. 16 e seguenti c'è l'articolo di P. Bartolozzi per italianizzare la 473 Roco.

Alex


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 17:00 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 dicembre 2010, 10:01
Messaggi: 890
Località: Sarzana (SP)
Grazie Alex.

L'articolo è del 2002 e la 005 non c'era ancora, ma penso che le modifiche siano le stesse
giusto?

Lo dico perché mi pare che di 473 ce ne siano più versioni un pò diverse come roba di tubi,
pompa, surriscaldatore, ma forse mi sbaglio.

Massimo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 17:35 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 7 aprile 2011, 10:39
Messaggi: 1926
Località: Genova Sampierdarena
Prego.

Nell'articolo la base di partenza è il modello tedesco e non quello italianizzato alla buona dalla stessa Roco.

Ad ogni modo penso che le modifiche generali valgano per tutte le numerazioni del gruppo 473.

Alex


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 17:57 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 7 aprile 2011, 10:39
Messaggi: 1926
Località: Genova Sampierdarena
Altre informazioni utili: http://www.marklinfan.com/f/topic.asp?TOPIC_ID=2800

Su I Treni 39, c'è un'articolo ad esse dedicato ad opera di E. Mascherpa.

Alex


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 19:43 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 dicembre 2010, 10:01
Messaggi: 890
Località: Sarzana (SP)
Sí, sí, grazie, l'articolo su Marklinfan l'ho visto ma sono foto
che non chiariscono granché.

Massimo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 19:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2011, 16:03
Messaggi: 2193
Località: Agram
ci sono due livelli di italianizzazione

una cambi solo targhe, accechi i finestrini se non lo sono gia e via

seconda cambi un bel po di particolari riportati, di cui hai elencato alcuni, ma ci sono anche fanali, pompa, tubazioni ecc

trovi tutto sul ttm.

io ho lasciato perdere la 473 perche alla fin fine era una macchina da manovra pesante, ma mi trovo nella tua stessa situazione per la gr 460 trix comprata sulla baya a prezzo irrisorio (130€ spedita!)... nel senso che vorrei farla seguendo il ttm ma ho qualche remora nel metterci le manacce...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 19:54 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 dicembre 2010, 10:01
Messaggi: 890
Località: Sarzana (SP)
Le targhe sono tampografate ma negli aggiuntivi ci sono quelle in rilievo.
La macchina, fino agli anni '50 ha tirato qualche trenetto,
complice il basso carico assiale, poi é giá predisposta per il digitale e per 112Euro mi sono lanciato.
Provo a prendere l'arretrato di ttm per vedere un pó.
Grazie.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: martedì 29 novembre 2016, 9:53 
Non connesso

Iscritto il: domenica 31 dicembre 2006, 19:04
Messaggi: 5889
Località: pistoia
Un articolo apparso su "i Treni Oggi" numero 39 - rivista certamente concorrente con chi ci ospita, ma credo che la lungimirante redazione permetta anche "un'intrusione" del genere, trattandosi sempre di treni e modellismo.
alberto


Allegati:
473a.jpg
473a.jpg [ 235.04 KiB | Osservato 9864 volte ]
473b.jpg
473b.jpg [ 236.12 KiB | Osservato 9864 volte ]
473c.jpg
473c.jpg [ 246.65 KiB | Osservato 9864 volte ]
473d.jpg
473d.jpg [ 248.8 KiB | Osservato 9864 volte ]
473e.jpg
473e.jpg [ 225.96 KiB | Osservato 9864 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: martedì 29 novembre 2016, 15:32 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 21:28
Messaggi: 720
Località: Novate Milanese
Come ho già scritto, uno dei problemi più grossi è la disposizione dei ceppi dei freni della locomotiva:
o o o - O (O (O) O) O
Saluti, Ennio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: martedì 29 novembre 2016, 15:49 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 dicembre 2010, 10:01
Messaggi: 890
Località: Sarzana (SP)
friulbahn ha scritto:
Come ho già scritto, uno dei problemi più grossi è la disposizione dei ceppi dei freni della locomotiva:
o o o - O (O (O) O) O
Saluti, Ennio

E già ma lì bisognerebbe rifare tutto il gruppo frenante di sana pianta.

Avendo i ceppi con relativa asta uno potrebbe anche provarci a fare un'intelaiatura
d'ottone che ricalchi quella esistente e fissarci poi i ceppi anche se il tutto mi pare
saldamente ancorato ad un asse trasversale dietro il quinto asse di trazione e non
ho idea di come sganciare la tiranteria.

E' anche vero che ci ho dato un'occhiata fuggevole.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: martedì 29 novembre 2016, 18:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2011, 16:03
Messaggi: 2193
Località: Agram
vabbe dai i ceppi magari li fai per ultima cosa...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: sabato 10 dicembre 2016, 18:24 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 dicembre 2010, 10:01
Messaggi: 890
Località: Sarzana (SP)
Allora, per procedere nelle operazioni ho comprato il TTM arretrato, ho comprato il libro di
Cornolò (soldi buttati per le mie particolari necessità di questo caso) ed ho cercato il cercabile
in Internet.

Nell'articolo di TTM ho visto che le aste per la gestione del vapore della pompa Knorr e del
compressore erano in origine due per lato ma nella trasformazione sono rimaste solo due:
secondo voi c'è una ragione?

Ho cercato tra i pezzi MFAL suggeriti nell'articolo ma non hanno la pompa Knorr e vendono Coale
e valvola a bilanciere integrate mentre nell'esecuzione su TTM mi pare che siano due dispositivi
divisi, è giusto?

Grazie.

Massimo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: sabato 10 dicembre 2016, 21:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 17 febbraio 2011, 16:03
Messaggi: 2193
Località: Agram
il kit (o una parte) di sicuro la trovi da Pierre


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Italianizzazione gr 473 005.
MessaggioInviato: sabato 10 dicembre 2016, 23:53 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 15:34
Messaggi: 3397
Località: Dicomano (FI)
L'articolo risale a qualche anno fa e descrive una elaborazione che avevo quando fatto erano usciti i modelli Roco aggiornati con chiusura delle fessure sulle pareti della cabina, dove nelle prime edizioni erano presente le targhe di immatricolazione enormi....
All'epoca gli aggiuntivi in scala esatta o parte di essi erano reperibili nel catalogo di MFAL, oggi non so....comunque dovresti trovare aggiuntivi nei cataloghi del negozio CFB e sul sito di Progetto Modellismo, gli aggiuntivi prodotti molti anni fa da Pierre sono per la maggior parte realizzati per elaborare le vaporiere di Rivarossi realizzate in scala 1/80, quando erano disponibili solo questi aggiuntivi si utilizzavano anche per i modelli in scala esatta, oggi visto che c'è la disponibilità, consiglio di utilizzare aggiuntivi delle dimensioni più appropriate....
Riguardo alle perplessità di carmaxspie

-Nell'articolo di TTM ho visto che le aste per la gestione del vapore della pompa Knorr e del
compressore erano in origine due per lato ma nella trasformazione sono rimaste solo due:
secondo voi c'è una ragione?-

E ancora....

-Ho cercato tra i pezzi MFAL suggeriti nell'articolo ma non hanno la pompa Knorr e vendono Coale
e valvola a bilanciere integrate mentre nell'esecuzione su TTM mi pare che siano due dispositivi
divisi, è giusto?-

Magari se si spiega meglio....


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it
Direttore editoriale: Luigi Cantamessa - Amministratore unico: Aldo Baldi - Direttori responsabili: Franco Tanel - Daniela Ottolitri.
Registro Operatori della Comunicazione n° 37957. Partita Iva IT 05448560283 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice Srl