Oggi è sabato 20 agosto 2022, 3:22

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: venerdì 5 agosto 2022, 20:55 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 18:40
Messaggi: 2028
Località: piemonte
A mio modestissimo avviso il problema della durata del calettamento di un ingranaggio in materiale plastico sull'asse lo si risolve solo interponendo una boccola di ottone tra ingranaggio in plastica e l'asse stesso. L'ingranaggio deve essere calzato sulla boccola (che avrà da un lato una battuta per migliorare la tenuta l'incollaggio) con nessuna interferenza, quasi libero di ruotare, poi bloccato con un buon collante bicomponente, mentre la boccola potrà essere forzata sull'asse con una interferenza di 3/4 centesimi. Volendo si potrà inserire una spina in ottone tra ingranaggio e boccola. Nessun rischio di rottura per il futuro.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: sabato 6 agosto 2022, 4:05 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 10:59
Messaggi: 4187
In linea teorica potresti aver ragione (a parte i costi)...

peccato che su molti modelli (sostanzialmente tutte le loco dall'epoca III in poi: carrelli, ruote piccole, ...) il diametro dell'ingranaggio sull'asse è così ridotto che l'inserimento di un manicotto non lascerebbe abbastanza materiale plastico per tenere insieme i denti.
A mio vedere cambierebbe solo il tipo di problema: da ingranaggio che si spacca a denti che si sgranano.

Purtroppo, al procedimento industriale attuale non penso ci siano alternative...l'unica è la qualità dei materiali, lo studio delle giuste interferenze, il mantenimento e controllo delle tolleranze.di fabbricazione ...inoltre la reperibilità dei ricambi.

Da parte nostra tanta pazienza ed accettare che "ogni tanto" possa accadere quindi... tocca intervenire (e sapere come farlo e avere i materiali per)...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: sabato 6 agosto 2022, 8:07 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 8:53
Messaggi: 5469
Località: Bruschi
Il delrin è "morbido" e consente la flessione senza rotture...
Saluti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: sabato 6 agosto 2022, 14:01 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 19 novembre 2021, 13:32
Messaggi: 5
Andrebbe riscritto così:
Cita:
peccato che su molti modelli di una sola ditta (sostanzialmente tutte le loco dall'epoca III in poi: carrelli, ruote piccole, ...) il diametro dell'ingranaggio sull'asse è così ridotto che l'inserimento di un manicotto non lascerebbe abbastanza materiale plastico per tenere insieme i denti.
A mio vedere cambierebbe solo il tipo di problema: da ingranaggio che si spacca a denti che si sgranano.

Purtroppo, al procedimento industriale attuale non penso ci siano alternative...l'unica è la riprogettazione della trasmissione usando lo stesso diametro dell'asse che usano tutti gli altri produttori che infatti, rarissimi casi a parte, non presentano questo problema... difetto di progettazione ereditato dai predecessori ma che neanche i Santi o i Beati hanno voluto risolvere (come è il leit motiv di qualcuno che si lamenta a senso unico?)... che poi non serve un ingegnere aerospaziale o del CERN che riprogetti tutto, basta una boccolina nella sede originaria che permetta l'utilizzo di assi dal diametro corretto senza giochi...

Da parte nostra tanta pazienza ed accettare che "spesso" possa accadere quindi... tocca intervenire (e sapere come farlo e avere i materiali per) oppure direttamente lasciare i modelli sullo scaffale (cosa che, tra l'altro, succede sempre più spesso)


Ultima modifica di Luther Blissett il sabato 6 agosto 2022, 19:00, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: sabato 6 agosto 2022, 17:07 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 10:59
Messaggi: 4187
Cita:
Andrebbe riscritto così:

Gentile Luther

Ti prego di evitare assolutamente di modificare i QUOTE...mi stai attribuendo parole e concetti che non ho mai scritto e che non condivido.

Procedo a segnalare il tuo post alla moderazione affinché provveda a rimuoverlo o modificarlo a loro giudizio.

Sicuro della tua buona fede ti invito caldamente a rispettare la netiquette in futuro.

Cordiali saluti

Alessandro Becchetti


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: sabato 6 agosto 2022, 19:03 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 19 novembre 2021, 13:32
Messaggi: 5
"Andrebbe riscritto" mi sembrava chiaro ma ho comunque corretto per non urtare la tua sensibilità...
Ho solo citato dati di fatto ma è comprensibile un po' di nervosismo; capisco che possa succedere quando si toccano argomenti volutamente omessi!
Alla prossima cena a Ciampino con presentazione dei modelli sul tavolo proponi ai tuoi amici intoccabili la soluzione più semplice...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: sabato 6 agosto 2022, 21:17 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 10:59
Messaggi: 4187
Cita:
Ho solo citato dati di fatto ma è comprensibile un po' di nervosismo; capisco che possa succedere quando si toccano argomenti volutamente omessi!
Alla prossima cena a Ciampino con presentazione dei modelli sul tavolo proponi ai tuoi amici intoccabili la soluzione più semplice...


Adesso sono molto meno sicuro della tua buona fede...
Intanto il tuo quote del mio post è ancora artefatto (la tua variazione la devi riportare nel tuo testo e non nel mio che deve rimanere identico all'originale).
Inoltre, mi pare che non sei (volutamente?) riuscito a capire il mio appunto al tuo precedente post (riferito alla forma e modo con cui avevi alterato il mio scritto...quindi senza assolutamente contestare il tuo pensiero).

In ogni caso la soluzione (indipendentemente da "intoccabili", "innominabili", "illuminati", "elevati" e altre congreghe di strani figuri ti possano venire in mente) è stata espressa già (materiali, progettazione, controllo qualità) ed è condizione necessaria ed indispensabile per quel tipo di trasmissione indipendentemente dal costruttore.

Ergo ... se sei convinto che una determinata marca sia particolarmente prona a questo problema puoi serenamente lasciarla sugli scaffali e scegliere altro.
Però... non sentirti al sicuro: qualunque meccanica, sia utilizzata che tenuta in vetrina, può guastarsi...

il senso del mio post, al di là delle tue forzature, era proprio questo: se accetti che la tua auto (la tua lavatrice, il tuo TV, ...) si possa rompere per usura o per obsolescenza dei materiali e quindi aver bisogno di manutenzione perché non un modello di locomotiva?
Del resto gli anelli d'aderenza, i ganci, le lampadine e i carboncini li cambiamo regolarmente... meno spesso, per fortuna, gli alberi di trasmissione, i motori, le fiancate dei carrelli, i respingenti, i pantografi, addirittura le casse...
...sempre se i ricambi sono disponibili.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: domenica 7 agosto 2022, 7:27 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 19 novembre 2021, 13:32
Messaggi: 5
Non è usura: quegli ingranaggi si sono sempre spaccati anche da nuovi.
È proprio una cattiva progettazione su cui, nonostante il problema sia noto e le lamentele tantissime, non c'è mai stata la volontà di intervenire.
E fino a prova contraria vale il discorso che si fa sempre in casi simili (ovviamente non in questo...): i miei soldi sono buoni e pretendo modelli buoni pertanto non sono io che devo arrangiarmi nè utilizzando materiale, seppur ottimo, di altri produttori nè intervenendo con modifiche, seppure minime, sui pezzi originari.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: domenica 7 agosto 2022, 8:20 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 10:59
Messaggi: 4187
Quanto dici è un discorso di buon senso ... applicabile però ad una saponetta (si...quella per lavarsi le mani).

Parlando invece di modelli purtroppo ognuno di noi ha motivazioni "non tecniche" che spesso travalicano il buon senso.

Penso che tutti noi abbiamo in casa modelli "fondamentali" per il proprio parco ....comprati anche se le critiche erano feroci e le perplessità sulla meccanica, le plastiche, l'elettronica pessime. Presi comunque perché "non potevano mancare" con la rassegnazione di doverci mettere mano prima o poi...
Di questo stavo parlando: della pazienza che deve fare parte della dotazione strumentale di un modellista.

I discorsi "talebani" (i miei soldi sono buoni, lasciamoli sugli scaffali, ...) li trovo poco applicabili e li lascio volentieri ai "teorici del modellismo" e ai vari "leoni da tastiera" affinché possano passare il tempo dissertandone sui forum.

Sia ben chiaro: ne rispetto il senso generale ovvero "per quello che costano è assai auspicabile un prodotto finale più curato negli aspetti estetici e più duraturo in quelli funzionali" ma credo anche fermamente che il "modello perfetto che ti dura una vita" non esisterà mai.

Quindi, cortesemente, non mettetemi in bocca frasi che non direi mai né cercate significati nascosti o, peggio, difese o accuse mascherate, di questo o di quello, nei miei scritti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: domenica 7 agosto 2022, 12:55 
Non connesso

Iscritto il: martedì 21 marzo 2017, 12:08
Messaggi: 389
Luther Blissett ha scritto:
Non è usura: quegli ingranaggi si sono sempre spaccati anche da nuovi.
È proprio una cattiva progettazione su cui, nonostante il problema sia noto e le lamentele tantissime, non c'è mai stata la volontà di intervenire.
E fino a prova contraria vale il discorso che si fa sempre in casi simili (ovviamente non in questo...): i miei soldi sono buoni e pretendo modelli buoni pertanto non sono io che devo arrangiarmi nè utilizzando materiale, seppur ottimo, di altri produttori nè intervenendo con modifiche, seppure minime, sui pezzi originari.


Che ci sia stato un errore di progettazione o un'errata fornitura degli ingranaggi con materiale non idoneo non ci sono dubbi.
Ne ho risistemati parecchi e non ho trovato difficoltà insormontabili, con costi anche irrisori.
Però devo dire che le ultime produzioni di E.645 e E.646 non presentano inconvenienti di sorta e, secondo me, sono di qualità superiore, tanto da farmele preferire ad un rotabile analogo ad esempio di Roco.
Resta sempre l'interfaccia digitale che potrebbe essere migliorata adottando il PluX22.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: domenica 7 agosto 2022, 13:17 
Non connesso

Iscritto il: sabato 27 ottobre 2007, 9:02
Messaggi: 2777
Località: Torino
Quante parole e minacce x due cazzo d'ingranagini dal costo irrisorio....andate a collezionare francobolli così spendete sempre tanto ma non vi si spacca nulla.... :lol: :lol: :lol: :wink:

Con simpatia
Despx


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: domenica 7 agosto 2022, 13:27 
Non connesso

Iscritto il: sabato 18 giugno 2022, 1:15
Messaggi: 30
Luther Blissett ha scritto:
E fino a prova contraria vale il discorso che si fa sempre in casi simili (ovviamente non in questo...): i miei soldi sono buoni e pretendo modelli buoni pertanto non sono io che devo arrangiarmi nè utilizzando materiale, seppur ottimo, di altri produttori nè intervenendo con modifiche, seppure minime, sui pezzi originari.


Era un po' che non sentivo il nome Luther Blissett... spero che Harry Kipper stia bene :mrgreen:

Il discorso in questione sarebbe sacrosanto, il problema è che purtroppo nel "mondo moderno" non funziona più così per un sacco di cose: si acquista un software? L'utente si trova suo malgrado a fare da tester e ad aspettare che vengano rilasciate patch, fix, ecc, ma il 100% dei problemi difficilmente viene risolto, quindi poi tocca all'utente trovare soluzioni alternative. Si compra una nuova auto? Che sia una Fiat o una Mercedes, nessuna è esente da problemi.. su alcune cose ci sono garanzia e richiami, su altre l'acquirente si tiene il problema/si deve arrangiare con qualche soluzione fatta in casa, oppure in certi casi si incorre in problemi anche gravi che sono palesemente derivati da una carenza progettuale o dall'uso di una parte non idonea, ma la casa non riconosce il problema e la riparazione se la deve pagare il cliente.
Non parliamo poi della telefonia, che sulle nuove generazioni di smartphone è un continuo doversi arrangiare per combattere contro determinate magagne croniche o meno di questo o quel produttore.

Ovviamente non sto dicendo che sia giusto o normale,anzi.. però da profano del mondo fermodellistico, diciamo che la cosa non mi stupisce così tanto perché vedo come funziona in altri settori. Poi ovvio che non si fa di tutta l'erba un fascio per quanto riguarda i produttori, ecc ecc.
Si potrebbe anche discutere sulla suddivisione di responsabilità tra aziende, negozianti e cliente finale, ma si direbbero cose trite e ritrite.

Poi, io che ancora non ho nemmeno mezzo rotabile (ricordo che quelli oggetto di questa discussione non sono miei) ma pian pianino vorrei mettere su una piccola "flotta", in un mondo ideale vorrei spendere al meglio i miei soldi e ritrovarmi per le mani modelli esenti da problemi e che girino su un eventuale plastico per anni facendo loro solo la manutenzione ordinaria, ma ne deduco che dovrò entrare nell'ottica che il modello perfetto non esiste e che qualche lavoro extra qua e là sia da mettere in preventivo, come dice Zampa di Lepre. Probabilmente in quest'ottica, l'unica cosa che potrò fare per compensare un minimo eventuali lavori extra sarà evitare di prendere modelli a prezzo pieno e aspettare qualche offerta.
Lo stesso utente tocca un altro punto importante, almeno dal mio punto di vista: se per un motivo o per l'altro si vuole il modello "x" e lo produce solo una casa e magari il modello è problematico, che si fa? Si rischia perché quel modello lo si vuole assolutamente, oppure si rinuncia sperando che un giorno o l'altro ne esca una versione migliore?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: domenica 7 agosto 2022, 14:24 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 9 luglio 2020, 16:19
Messaggi: 230
Anche io ero andato a cercarmi vecchie discussioni in merito al problema ingranaggi. In particolare mi ero imbattuto in questa, con sostanzialmente le stesse problematiche attuali.
>> viewtopic.php?f=21&t=50503&hilit=Moderatori&start=0

Più o meno gli stessi commenti
>> viewtopic.php?p=455644#p455644

Più o meno gli stessi interessati che proponevano i propri prodotti artigianali, meglio fatti degli originali Lima, Rivarossi, Hornby.

C'erano anche laconici buoni propositi, quasi imminenti (settimane....) e risolutori.
>> viewtopic.php?p=479539#p479539

A distanza di anni (12!, ma il peccato originale risale a prima), si è ancora qua a parlarne. Una questione che si trascina dal tempo della Lima di Vicenza. Nulla è cambiato, il "vecchio" è rimasto invariato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: martedì 16 agosto 2022, 9:52 
Non connesso

Iscritto il: sabato 18 giugno 2022, 1:15
Messaggi: 30
Riprendo la discussione per non aprirne una nuova. Il problema non riguarda i "soliti" ingranaggi, ma è comunque inerente la riparazione di uno dei tre modelli in oggetto.

Ieri ho controllato/aperto l'ETR 212 (HR2066) e mi sono reso conto che a differenza di quanto mi aveva riferito il proprietario del modello, il malfunzionamento non era causato da un problema di ingranaggi.
Infatti il problema è il manicotto/cuffia/bicchierino (o come si chiama) in plastica presente sull'asse della vite senza fine e che fa da sede per l'albero di trasmissione (vedere foto sotto per capirci meglio)

Immagine
Immagine

Ora, io ho fatto una riparazione "d'emergenza" e ho riportato il modello al proprietario che l'ha fatto girare per un bel po' sul plastico, ma prima o poi potrebbe cedere e quindi volevo pensare a una riparazione più a lungo termine. Considerando anche che avendo il modello i "famigerati" ingranaggi neri sui due assi, è abbastanza probabile che il modello prima o poi tornerà in officina.

La domanda (sempre da profano, quindi non tiratemi le pietre :D ) è la seguente: queste parti sono universali per tutti i modelli HR dell'epoca o ci sono differenze?
Mi spiego meglio.. Ho visto che viene venduto l'insieme alberino+vite senza fine+manicotto (in alcuni casi in plastica, in altri in ottone) e li ho visti per 424, ALn 663 e altri. Potrei usare uno di questi? Poi certo, vedo che spesso insieme viene venduto anche l'albero di trasmissione in plastica, che ovviamente sarebbe di lunghezza diversa, ma quello basta non usarlo, tanto quello dell'ETR è in buone condizioni.

Come sempre, grazie a chi mi darà qualche dritta ;)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Riparazione Hornby Rivarossi (ingranaggi assi)
MessaggioInviato: martedì 16 agosto 2022, 11:13 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 9:50
Messaggi: 480
Località: Vicenza
Anche se crepato, il "bicchiere" una volta incollato con del bicomponente non ti darà più problemi: lo spforzo che sopporta è veramente minimo. Comunque il "bicchiere" è standard nei modelli della stessa marca, salvo pochi casi in cui non c'è l'alberino di trasmissione come quello che hai, ma un sistema composto da una specie di tubo con inserto interno che permette l'allungamento dell'albero. Lo si trova mi pare sui 652/632, ma qui le parti sono così diverse da quelle che hai nel tuo modello che le distingui a colpo d'occhio.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice Srl - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it
Direttore editoriale: Luigi Cantamessa - Amministratore unico: Aldo Baldi - Direttori responsabili: Franco Tanel - Daniela Ottolitri.
Registro Operatori della Comunicazione n° 37957. Partita Iva IT 05448560283 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice Srl