Oggi è sabato 20 agosto 2022, 4:09

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: lunedì 12 luglio 2021, 15:40 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 19:14
Messaggi: 623
Località: Alto Adige
Ciao

Ormai da diversi anno sto dietro a progettare il mio futuro plastico, interrotto per qualche periodo per vari impegni privati.
Siccome la stazione nascosta, come spesso dovrebbe stare sotto il piano 0 (quello in vista), la soluzione sarebbe a destra e sinistra con una elicoidale.
I treni che vorrei fare circolare hanno lunghezze fino a 8 carrozze in scala, cioè possono arrivare fino a 3m di lunghezza.
Avendo qualche dubbio sulla prestazione delle varie locomotive in mio possesso ho riciclato una vecchia elicoidale, della quale avevo ancora i pezzi per fare qualche prova, usando l'R5 del sistema Roco. Permettendo che l'elicoidale stessa (quella usata per le prove) non è progettata molto bene, tante macchine sono riusciti a salire, il più grande problema avevano i Tigri (Lima,RR,HR). Mentre le varie Roco 656,636, E412 ... e anche E402 RR sono riusciti a portare il treno di prova in cima, le Tigri erano la grand delusione.
Avevo dato la colpa al carrello centrale, ma anche togliendolo non ha portato esito....
Adesso la mia domanda: chi usa queste macchine sui elicoidali e mi può dare delle informazioni sulle esperienze fatte?

Grazie


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: martedì 13 luglio 2021, 17:34 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 19:02
Messaggi: 839
Le Tigri Rivarossi o Acme che sia di trazione ne hanno da vendere.

Sulle Rivarossi verifica di non avere ingranaggi scalettati o fessurati, perché potrebbe essere fessurato ma con tutti denti e girando su se stesso fa perdere prestazione alla locomotiva; a me è capitato.

Verifica inoltre lo stato degli anellidi aderenza, perché se usurati o secchi è quasi come non averli e conviene sostituirli.
Ti suggerisco i Trix, perché offrono un'ottima aderenza.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: martedì 13 luglio 2021, 17:43 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 13:02
Messaggi: 2274
Località: ROMA
Infatti....le tigri lima e hornby tirano eccome...Non possiedo acme quindi non so ma a questo punto sostituisci gli anelli e controlla che tu abbia gli ingranaggi integri.

Saluti in salita

Brenner


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: mercoledì 14 luglio 2021, 21:44 
Non connesso

Iscritto il: domenica 10 dicembre 2006, 15:15
Messaggi: 254
Località: Torino
Buonasera Tigre,
i modelli in mio possesso, LIMA ed RR possiedono tutti una buona trazione ma, presentano una grande sensibilità alle livellette nei cambi di pendenza del binario.
Bastano lievi irregolarità nella posa ed il carrello centrale al culmine di queste tende a sollevare la macchina non essendo molleggiato e, in tal modo si riduce drasticamente la capacità di traino della tigre.
Nel mio costruendo impianto, un cambio di pendenza risultava ben percorribile solo in discesa fintanto che non è stato rimaneggiato consentendo alle tigri di transitare con tutti i carrelli a contatto con le rotaie.
Saluti
Topolox


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: giovedì 15 luglio 2021, 7:55 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 331
Località: Martignacco UD
Ho avuto anche io il problema del carrello centrale, soprattutto sulle prime serie Lima e poi Rivarossi.
La soluzione è stata quella di levigare leggermente il telaio in corrispondenza del carrello creando uno spazio vuoto che permetta al carrello stesso di alzarsi senza fare da perno alla cassa.
Ideale è aggiungere una piccola molla che tenga il carrello spinto verso il binario per evitare spiacevoli svii.
Per il resto, le tigri modello tirano come quelle vere, anche su elicoidali al 26x1000. Unica differenza rispetto a quanto detto sopra, io uso elicoidali autocostruite, con raggio minimo di 600mm.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: martedì 20 luglio 2021, 15:55 
Non connesso

Iscritto il: martedì 17 gennaio 2006, 19:14
Messaggi: 623
Località: Alto Adige
Grazie a tutti voi per le risposte ... .allora ho ancora speranze.
Adesso costruisco un elicoidale di prova a regola d'arte e faccio le prove necessarie prima di andare avanti con la progettazione del plastico.
Ho veramente Tigri di tutte le salse (ca. la metà monta nuove ruote dentate sui assali per il noto problema), dai Lima anni 90, RR fine anni 90 ai HR di ultima produzione ... ma tutti mostrano gli stessi problemi, per quello ho pensato al carrello centrale, ma togliendolo non è che ha migliorato.

Faccio sapere qui quando ho i risultati col elicoidale nuovo.

Grazie


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: martedì 20 luglio 2021, 16:42 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 5269
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Devi verificare il cabraggio dei carrelli esterni e su quello costruire l'inizio e la fine della rampa.
Lo stesso discorso, e maggior ragione, vale per le locomotive a vapore con passo totale lungo.
E se inizio e fine sono in curva addolcire di più in funzione del raggio della curva.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: mercoledì 21 luglio 2021, 12:43 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 13:02
Messaggi: 2274
Località: ROMA
Allora....penso che le tigri siano un po particolari rispetto alle articolate.
Un mio amico continuava a rompere ingranaggi ......e penso che molto sia dovuto al rapporto di trasmissione che questa loco ha.
Pesa molto, è velocissima ( vite a due principi) e il tutto si riperquote sulla cascata ingranaggi...con coppia elevata...rompendoli.
Quindi se l ingranaggio sostituito non è solido avremmo sempre rotture.
Fondamentale il rinforzo sotto i denti deve reggere le sollecitazioni e se sotto dimensionato l ingranaggio si spaccherà sempre.
Controlla sempre che gli stessi non girino a vuoto......sennò il test va a farsi benedire.

Brenner


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: mercoledì 21 luglio 2021, 15:29 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 13:12
Messaggi: 331
Località: Martignacco UD
Visto che ho molte tigri anche io, ma non riesco ancora a provarle, mi consigliate dove trovare gli ingranaggi di ricambio?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: mercoledì 21 luglio 2021, 22:15 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2017, 6:04
Messaggi: 1484
Località: Monza
marco1016 ha scritto:
Visto che ho molte tigri anche io, ma non riesco ancora a provarle, mi consigliate dove trovare gli ingranaggi di ricambio?


Prova da Linea Model per i modelli Lima & Rivarossi

Ciao
Santino


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: giovedì 22 luglio 2021, 7:05 
Non connesso

Iscritto il: sabato 15 settembre 2007, 8:54
Messaggi: 1349
Località: Roma
Sul mio costruendo tracciato “ Binari a tutti i costi “, nella apposita sezione, il dislivello di 6 cm tra i due lati mi aveva portato allo studio di inizio e fine inclinazione dei binari che mi era sembrato piuttosto riuscito. Per capire se i binari erano stati correttamente posizionati, per le prove di salita e discesa, avevo utilizzato prevalentemente il Frecciarossa 1000 che in giro aveva dato diversi problemini, avevo utilizzato diversi modelli in ottone con rodigi piuttosto importanti. Tutto saliva e scendeva perfettamente senza esitazioni.
Poi ieri leggo questo filetto, metto su un paio di Tigri HR e sulla “cuspide” di inizio discesa la loco rimane ferma. Ruote che girano a vuoto per mancanza di aderenza.
Non si finisce mai di immaginare e imparare!!!
Per fortuna che lì i binari non sono stati ancora fissati e avrò modo di correggere l’inclinazione.
Grazie.
Saluti
Stefano


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: giovedì 22 luglio 2021, 9:28 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 5269
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Così per la cronaca, in ambito FS il raggio della curva delle cuspiti e degli inzi delle salite oggi è di 3000 m.
Non ho dati per il passato ma direi che almeno 1000 m ci stanno.
Traete le conclusioni per il plastico.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: giovedì 22 luglio 2021, 11:26 
Non connesso

Iscritto il: sabato 14 gennaio 2006, 13:02
Messaggi: 2274
Località: ROMA
marco1016 ha scritto:
Visto che ho molte tigri anche io, ma non riesco ancora a provarle, mi consigliate dove trovare gli ingranaggi di ricambio?


Ti consiglio di contattare due utenti del forum......claudio mussinatto...o despx
Loro ,a mio pensiero, ti possono aiutare

Saluti

Brenner


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: giovedì 22 luglio 2021, 16:36 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 20 settembre 2006, 20:44
Messaggi: 5269
Località: Sorbolo di Sorbolo Mezzani (PR)
Se non interessa o nel proprio plastico non serve riprodurre la max velocità a 11 V, alle Tigri: Lima, Rivarossi, Hornby che di origine hanno la vite senza fini a due principi si può sempre mettere quelle a un principio recuperate nei ricambi di altre loco.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Tigri sulle elicoidali
MessaggioInviato: giovedì 22 luglio 2021, 19:39 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 19:02
Messaggi: 839
Per esperienza conviene tenere quella a due principi...ad un solo la macchina a voltaggio medio (non a 12) è davvero lentissima rispetto alla media delle altre loco. Al massimo andrebbe bene per la E633 la vite a un principio...se proprio proprio.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice Srl - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it
Direttore editoriale: Luigi Cantamessa - Amministratore unico: Aldo Baldi - Direttori responsabili: Franco Tanel - Daniela Ottolitri.
Registro Operatori della Comunicazione n° 37957. Partita Iva IT 05448560283 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice Srl