Oggi è venerdì 14 maggio 2021, 14:22

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Sempre ha proposito di GOST TRAINS
MessaggioInviato: lunedì 21 dicembre 2020, 18:56 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 7 dicembre 2007, 19:06
Messaggi: 1885
Località: TS, nel mitico nord-est :-)
Ho appena trovato una testimonianza AGGHIACCIANTE sul treno fantasma che portava il presidente Lincoln dopo che era morto e siccome che non tutti capite l'inglese ve lo tradotto con google e velo incollo.
ATTENZIONE se non vela sentite fermatevi quì

Mancuso Loris

Ho' visto il Treno Fantasma", disse il vecchio, con un tono che avrebbe potuto usare se qualcuno avesse negato il fatto; "Ho visto il Treno Fantasma più di una volta."
Impressionato dai modi sinceri del vecchio, e senza dubbio influenzato dalla naturale curiosità di ascoltare una storia di fantasmi in cui un treno recitava il ruolo principale, lo scrittore chiese al vecchio di recitare le sue esperienze simili a quelle dei fantasmi. Ha obbedito senza indugio e ha iniziato:
"Sono fuori servizio ora, ma dieci anni fa, e per molti anni prima, sono stato un centralinista sulla Hudson River Railroad. Adesso sono in pensione, ma non per colpa mia. Fu nell'aprile del 1864 che il corpo del presidente Lincoln fu portato sulla nostra strada. Non ho visto il treno e, poiché non ero un grande lettore di giornali, non ne ho visto una descrizione. Voglio che te lo ricordi. Solo un anno dopo che il treno funebre è passato sulla strada ho visto il suo fantasma. Ero al mio posto in attesa dell'espresso di mezzanotte, previsto verso le 12:30 del mattino. Avevo letto l'assassinio e sapevo che il corpo del presidente Lincoln era stato mandato in Occidente, ma ero malato a letto quando il treno ha passato la mia stazione e non l'ho visto. "
“Era la notte del 24 aprile 1866, per quanto ricordo, che l'ho visto per la prima volta. Era un treno fantasma. Ero alla stazione di cambio e ho dovuto aspettare un bel po 'prima che arrivasse il prossimo treno regolare. Stavo per ritirarmi nella mia casetta quando ho sentito un brontolio cupo che mi avvisava dell'arrivo di un treno. Quella notte ci aspettavamo un treno merci, che doveva lasciare una mezza dozzina di vagoni sui binari laterali, e il rumore che sentii mi sembrò provenire da quel treno. Sapendo che non c'erano treni regolari sulla strada a quell'ora, tranne i treni merci (l'espresso di mezzanotte era passato prima di sentire il treno fantasma), ho aggiustato il binario di conseguenza. L'interruttore era impostato in modo che il treno potesse percorrerlo e staccare le carrozze progettate per partire.
“Mentre sistemavo il primo interruttore, il brontolio in lontananza divenne sempre più forte e sapevo che il treno non era lontano. Mi ero appostato all'estremità superiore del binario di raccordo per non ritardare più del necessario. Proprio mentre avevo completato i miei arrangiamenti ho sentito un cupo ruggito composto da mille rumori diversi mescolati insieme. Guardando in fondo alla strada ho visto un faro la cui potenza e intensità non avevo mai visto eguagliate nella mia esperienza trentennale. C'era un brivido nell'aria che non riuscivo a capire. "
“Ho visto correre lungo il binario principale con una velocità spericolata una locomotiva drappeggiata da un'estremità all'altra di crespo, e portare almeno una dozzina di bandierine, anch'esse avvolte di crespo, sui binari laterali. Ho potuto leggere il suo nome mentre mi passava accanto - era la Costituzione - e ho potuto vedere tre uomini chiaramente come vedo te. Uno teneva la mano sulla leva e scrutava nella notte come in cerca di qualcosa sul binario; un altro spalava il carbone nella fornace e ne faceva un gran rumore, e un terzo, vestito di nero, con il crespo che gli pendeva dal braccio e che circondava il suo rigido cappello alto, sedeva su uno sgabello senza far nulla.
“Mi chiedi come ho visto così tanto in così poco tempo? Non riesco a spiegarlo. Tutto quello che so è che ho visto quello che ti sto dicendo. C'era qualcosa di orribile nei volti degli uomini, ma poteva essere stato causato dalla tremenda velocità con cui stavano accelerando. Non appena la Costituzione fu approvata, corsi all'estremità inferiore del binario di raccordo per riparare l'interruttore, che temevo fosse stato manomesso da qualcuno. Era proprio come l'avevo lasciato. "
“Mentre stavo scervellando la mia testa sul misterioso motore, un secondo faro ha proiettato il suo riflesso su di me e ho visto un'altra locomotiva drappeggiata di nero. Non andava veloce come il primo, ma stava facendo quello che chiamavamo tempo espresso - diciamo trentacinque o quaranta miglia all'ora. Riuscivo a malapena a vedere le parti in ferro e acciaio del motore, così completamente era ricoperto di crepe, nastri e stoffa nera. Il corrimano era nascosto alla vista da masse di crespo, così come lo era anche la cassa del vapore, e davanti alla caldaia c'era una pesante piega di stoffa nera. Anche la ciminiera aveva stelle filanti di crespo lanuginoso e dieci bandierine nazionali che ornavano il corrimano erano avvolte nello stesso materiale. Appena sotto il finestrino della cabina, ho visto un ritratto incorniciato in legno nero come l'ebano. Era quella del presidente martire! "
“Ho potuto vedere i volti dell'ingegnere e del frenatore e di diversi passeggeri che erano seduti vicino ai finestrini, le cui tende nere erano alzate. Sembravano tutti pallidi e spettrali, ma quelli che si muovevano si muovevano in modo naturale e trattavano i loro affari più o meno allo stesso modo che avrebbero fatto gli altri addetti ai lavori. Mi aspettavo di vederla spegnersi sul binario di raccordo. Ma lei non si è spenta. Invece di questo, si è mantenuta sulla pista principale come se non ci fossero interruttori simili al mondo. I vagoni la seguirono con la stessa facilità, come se la strada fosse libera, e in pochi secondi tutto ciò che potei vedere del treno fu la luce della bandiera.
Hai mai visto il treno fantasma da allora?" ha dichiarato il giornalista. “Sì, due volte, ed entrambe le volte nell'anniversario di quella notte. Non è cambiato nulla, nemmeno la ghirlanda di fiori, che era ancora fresca ", ha risposto il centralinista notturno."
Una volta che il treno fantasma è passato, i ferrovieri hanno riferito che i loro orologi hanno perso fino a otto minuti. Il commissario notturno ha dichiarato nel suo racconto di testimone oculare che non poteva spiegare come avesse visto così tanti dettagli mentre la locomotiva in corsa passava.


:( :( :(


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: fabryE646 e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Duegi Editrice - Viale Francia, 7, 35020 Ponte S. Nicolò (PD). Italy - Tel. 049.711.363 - Fax 049.862.60.77 - duegi@duegieditrice.it - shop@duegieditrice.it
Direttori di testata: Gianfranco Berto - Franco Tanel. Registro Operatori della Comunicazione n° 1199. Partita iva IT 01116210293 Tutti i diritti riservati Duegi Editrice